Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
RIZZOTTI Francesca
26-08-2014, 09:53 AM
Messaggio: #1
RIZZOTTI Francesca
Nata a Torino nel 1967, di madrelingua francese, attrice e insegnante, si laurea in Storia del Teatro e Letteratura Francese presso l’Università di Torino nel 1991.
Diplomatasi presso la Scuola di Recitazione del Teatro Nuovo di Torino, segue successivamente corsi di specializzazione e seminari con Susan Strasberg, Franco Passatore, Mamadou Dioume, Tapa Sudana, Alain Mollot, Marco Martinelli, Eimuntas Nekrosius.

Ha recitato con varie compagnie: Torino Spettacoli-Teatro Alfieri, Tangram Teatro, Gruppo della Rocca, Teatro delle dieci, Living Theatre e, negli ultimi dodici anni, in particolare con Onda Teatro.

A partire dal 1993 realizza anche spettacoli propri e performances con la musicista Laura Culver, tra cui "La donna abitata", “Hypathia: dal fagotto a un’arca di stelle”, “Tracce di Salomè”.

Partecipa al Festival Teatrale di Chalon sur Saône con una sua creazione teatral-olfattiva: "Il labirinto degli odori".

Con l’associazione Villa5 nasce a partire dal 2005 una forte e sentita collaborazione non solo artistica ma soprattutto di intenti, sin dai primi eventi: Matte d’arte, USA in & out, Approdi, e successivamente con gli spettacoli: Lune Storte, L’Attaccafili, “Shu”, “Strappi”.

Nel 2010, in collaborazione con Place du Marché, conduce un lavoro di ricerca e teatrale sulla storia delle scuole di alcuni quartieri di Torino, in relazione con i mutamenti della società, progetto promosso e finanziato dagli ecomusei della Città di Torino.In questo nuovo progetto, ben si integrano e completano le sue esperienze di insegnante, attrice e ricercatrice.

Da dieci anni affianca all’attività di docente di lettere, presso il Liceo Scientifico Amaldi di Orbassano (TO), quello di co-conduzione, insieme alla docente Tiziana Ventura, del Laboratorio Teatrale dell’Istituto . Si tratta di un gruppo molto coeso che negli anni ha ottenuto importanti riconoscimenti, a livello nazionale e internazionale, ma una delle sue caratteristiche principale resta l’attenzione costante nei confronti del mondo che ci circonda, il rifiuto dell’indifferenza, l’allenamento alla messa in discussione e la ricerca dei modi in cui anche il teatro può contribuire a modificare e a migliorare la realtà. Un percorso fatto di sperimentazioni, incontri, ricerche, improvvisazioni, spettacoli e incursioni teatrali.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)