Il Forum del Premio Gaber
Barge (CN) - "Cenacolo Studi M. Ginotta" - Versione stampabile

+- Il Forum del Premio Gaber (http://www.premiogaber.it/forum)
+-- Forum: La Nuova Edizione 2014 (/forumdisplay.php?fid=3)
+--- Forum: I Partecipanti (/forumdisplay.php?fid=13)
+--- Discussione: Barge (CN) - "Cenacolo Studi M. Ginotta" (/showthread.php?tid=548)



Barge (CN) - "Cenacolo Studi M. Ginotta" - Valentina - 14-04-2014 10:37 AM

[Immagine: Premio%20Gaber%202014%20Ginotta.jpg]

Regione: Piemonte
Provincia: Cuneo
Località: Barge
Organismo: Associazione
Denominazione: Cenacolo studi "M. Ginotta"

Ha partecipato: 5a edizione 2014
Sezione: Teatro
Titolo del progetto: "Extracomunitaria?" - "Si, si, extra extra, ma extra proprio"
Legale Rappresentante: Mauro Comba
Referenti: Mauro Comba
Gruppo di lavoro: Orbassano (TO)
-----------------------------------------

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

Due i personaggi in scena, una giovane lesbica timida italiana e una colf extracomunitaria, sua coetanea più estroversa. Le due ragazze sapranno, alla fine, incontrarsi, instaurando tra di loro un legame di adolescenziale amicizia dal momento in cui i loro singoli monologhi susciteranno, l’una nell’altra, e viceversa, interesse, compartecipazione emozionale e umana symphateia. E questo – va ribadito – dopo che si saranno accorte di ascoltarsi, di ascoltare, cioè reciprocamente, l’una non solo se stessa ma anche, e forse soprattutto, l’altra.

I nomi dei due personaggi vorrebbero suggerire qualcosa di un loro (inconsapevole) livello (letterario) più profondo: la lesbica timida è infatti soprannominata “[oh], missis schnitzler-dalloway, please [con suggestioni proustiane]”; la colf straniera, invece, con un braccio o una gamba ingessata o con la testa fasciata, detta anche (dantescamente, ma senza che lo sappia) “mi sono una che...”, rimastica e ripercorre in realtà, in quel suo italiano ovviamente poco toscano e per nulla letterario, una traccia montaliana, anche se surreale, in un rovesciamento carnevalesco. Con il risultato – almeno nelle intenzioni – di suscitare un pizzico di malinconia e un po’ di umorismo, non disgiunto da un qualche tratto di comicità. Se poi non ci saremo riusciti, ci rintaneremo in fretta e furia nel baule che dai tempi della V<idularia> plautina accompagna – e mette in salvo – interi greggi di istrioni.