Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Fontaneto d’Agogna (NO) - “G. Ferrari”
15-05-2012, 01:23 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 31-10-2012 10:28 AM da Editor.)
Messaggio: #1
Fontaneto d’Agogna (NO) - “G. Ferrari”
[Immagine: Premio%20Gaber%202012%20Ferrari.jpg]

Regione: Piemonte
Provincia: Novara
Località: Momo
Ordine e grado: Istituto di Istruzione secondaria di primo grado
Denominazione: "G. Ferrari"

Ha partecipato: 3a edizione 2011/2012
Sezione: Teatro
Titolo del progetto: “La Tempesta” di Shakespeare rivive nel bosco
Referenti interni: Patrizia Gumier
Referenti esterni: Maria Antonia Platini del Comune di Fontaneto d'Agogna

-----------------------------------------

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

Le classi 2^ A e 2^ B dell’Istituto Comprensivo “Gaudenzio Ferrari” di Fontaneto d'Agogna (NO) alle ore 14.00 di oggi 15 maggio, hanno presentato il progetto intitolato “La Tempesta di Shakespeare rivive nel bosco”. Al progetto hanno partecipato 35 ragazzi sotto la direzione della professoressa Patrizia Gumier insieme all'operatore esterno Siniscalco Giovanni e con il contributo di Maria Antonia Platini per il Comune di Fontaneto d’Agogna.

Il lavoro – due atti per un totale di 30 minuti – è una riduzione dell’opera di Shakespeare “La Tempesta”. Prende spunto da un progetto nato in sinergia con il comune di Fontaneto d’Agogna (NO), che ha dato in adozione alla scuola un bosco affinché il testo shakespeariano fosse fatto lì rivivere attraverso le esperienze ludico-didattico-culturali aperte anche alla collettività. L’opera mette in scena dinamiche molto complesse del mondo adulto e sentimenti forti, quali odio, invidia, amore, rabbia, perdono, che hanno comportato uno sforzo di identificazione molto alto per ragazzi di dodici anni. Le musiche e le registrazioni delle stesse sono state completamente eseguite a scuola da un gruppo di alunni delle due classi.

I ragazzi animano delle scene in costume corali e altamente coreografiche - che prevedono un sapiente utilizzo di teli e luci. Il testo è estremamente fedele all'originale mentre le musiche scelte (e, è bene ricordarlo, eseguite dai ragazzi stessi) sono particolarmente efficaci per commentare la vicenda.

Il simpatico e coinvolgente progetto proposto dai ragazzi piemontesi ha riscosso molta attenzione anche da parte delle scuole presenti in sala e cioè Lanciano (CH) e Latina.

L'INTERVISTA

Alle ore 15.15 di oggi, 15 maggio, la Media “Ferrari” di Fontaneto d’Agogna (NO) ha tenuto la tradizionale intervista, dopo aver presentato nella mattinata lo spettacolo intitolato Trabocchiamo di mare.

"Abbiamo cominciato il progetto quest'anno, verso ottobre. Il testo lo abbiamo scelto con la prof. Vicino a noi c'è un bosco che è appena stato pulito dal Comune che ci è stato dato in adozione". "Noi cercavamo uno spazio per varie attività didattiche (scienze, arte, teatro etc.), e un privato - tramite il Comune - ci ha dato questa possibilità. Abbiamo già fatto una giornata ecologica".
"Abbiamo iniziato a fare delle lezioni di teatro con Giovanni, poi abbiamo iniziato ad allestire lo spettacolo. C'è stata una collaborazione delle famiglie - mamme, nonne - per i costumi e le scenografie."
"Ci sono state alcune difficoltà: a volte ci siamo vergognati per quello che dovevamo fare durante la rappresentazione, a volte era forte per l'ansia..."
"Nel nostro percorso progettuale siamo partiti da zero. Mano a mano che si continuava a provare ci setivamo sempre più forti e uniti. Tra teatro e cinema preferiamo il teatro. C'è più emozione e l'esperienza è più bella".
"Il primo spettacolo non lo abbiamo molto capito: non era chiara la trama. Abbiamo capito che era ambientato su una spiaggia e ballavano. Ma non abbiamo capito cosa c'entrasse il kebab. L'altro spettacolo (di Latina) ci è piaciuto molto. Trattava del valore dell'impegno e del male dell'avarizia, sia materiale che sentimentale".
"Questa esperienza ci ha dato più autostima, più coraggio, ci ha insegnato a gestire la paura, oltre a cementare l'amicizia e il gruppo".

"I problemi che incontriamo oggi sono sicuramente quello del relazionarci, infatti con il teatro ci si sente più liberi: in teatro parlando con le persone, con il pubblico puoi far capire meglio le tue emozioni. Si riesce a fa uscire una parte di noi che non conoscevamo".
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
15-05-2012, 01:33 PM
Messaggio: #2
RE: Fontaneto d’Agogna (NO) - “G. Ferrari”
bravi a tutti i ragazzi di Fontaneto (ps: avete tenuto alto l'onore del nostro paese! Smile )

federica d
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)