Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Roma - "F. Vivona"
14-04-2014, 10:41 AM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 22-07-2014 09:39 AM da Valentina.)
Messaggio: #1
Roma - "F. Vivona"
[Immagine: Premio%20Gaber%202014%20Vivona.jpg]

Regione: Lazio
Provincia: Roma
Località: Roma
Ordine e grado: Istituto di Istruzione secondaria di secondo grado
Denominazione: "F. Vivona"

Ha partecipato: 5a edizione 2014
Sezione: Teatro
Titolo del progetto: Fino a qui tutto bene
Referenti interni: Silvia Scarelli
Referenti esterni: Monica Mariotti dell'Associazione Culturale "Danz'Arte"

-----------------------------------------

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

Questa è la storia di un uomo che cade da un palazzo di 50 piani. Mano a mano che cadendo passa da un piano all’altro, il tizio per farsi coraggio si ripete: “Fino a qui, tutto bene. Fino a qui, tutto bene. Fino a qui, tutto bene.” Il problema non è la caduta, ma l’atterraggio. (L’odio, Mathieu Kassovitz)
Da questa citazione siamo partiti per creare il quadro all’interno del quale i vari personaggi dello spettacolo si muovono: immersi nel fragore dei luoghi comuni, schiacciati dalla tentazione costante a semplificare la realtà, riducendola a slogan attorno ai quali bisogna decidere da che parte stare, se pro o contro. Abolite le sfumature, abolita la complessità si creano barricate d’odio – spesso tragicamente grottesche – ma non per questo meno pericolose. La ricerca di un’identità, di uno scopo nella propria vita passa attraverso la creazione di ‘nemici’ che spesso hanno la sola colpa di esistere e a volte di farsi attendere invano lasciandoci soli con la nostra cecità.
Questa fuga dalla realtà arriva a manifestarsi nei modi più disparati: messi da parte i sogni e le aspirazioni per rincorrere qualcosa che non ci appartiene, a quale atterraggio di prepariamo?
Come ogni anno lo spettacolo prende le mosse dalle letture condivise durante il laboratorio. Eugène Ionesco, Samuel Beckett, Boris Vian, Botho Strauss hanno fornito le immagini attorno alle quali si è costruito un progetto corale che parte dai singoli frammenti per ricostruire una realtà complessa, inafferrabile e troppo spesso difficile da affrontare. Una realtà che va comunque vissuta, alla ricerca di quel coraggio necessario per non continuare a dirsi ‘fino a qui tutto bene’.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
15-05-2014, 06:29 PM
Messaggio: #2
RE: Roma - "F. Vivona"
Bravi tutti i ragazzi, brava Monica!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
20-05-2014, 09:49 AM
Messaggio: #3
RE: Roma - "F. Vivona"
Ciao ragazzi, ve l'ho già detto tante volte ma mi va di ripeterlo anche qui: siete stati tutti bravissimi. Il fatto che dopo una settimana io mi ritrovi a pensare al vostro spettacolo significa che mi ha lasciato qualcosa dentro, ha suscitato in me delle domande, ed è questa, per me, l'essenza del teatro: far riflettere, spingere alla ricerca, instillare dubbi...Grazie, sarebbo bello rivedersi e, perchè no? Fare qualcosa assieme. Io aspetto altri vostri spettacoli! Un abbraccio
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)