Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 2 voti - 3 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Reggello (FI) - Scuola Media
12-05-2012, 03:45 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 30-10-2012 04:59 PM da Editor.)
Messaggio: #1
Reggello (FI) - Scuola Media
[Immagine: PremioGaber%202012%20005.jpg]


Regione: Toscana
Provincia: Firenze
Località: Reggello
Ordine e grado: Istituto di Istruzione secondaria di primo grado
Denominazione: "M. Guerri"

Ha partecipato: 3a edizione 2011/2012
Sezione: Cinema
Titolo del progetto: Pinocchio: ieri, oggi… e domani?
Referenti interni: Serena Palazzotti - Marcello Pierantoni
Referenti esterni: ---

-----------------------------------------

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

Oggi, 12 maggio, la classe II^ B dell’Istituto Comprensivo di Reggello alle ore 16.00 ha presentato all’interno della sezione cinema il cortometraggio dal titolo “Pinocchio: ieri, oggi… domani?”. Alla realizzazione hanno lavorato 21 ragazzi sotto il coordinamento della professoressa Serena Palazzotti e del professor Marcello Pierantoni.

Il filmato – della durata di 20 minuti – è stato elaborato a partire dalla lettura del testo di Collodi. I ragazzi hanno in seguito scelto i passi più significativi del libro per illustrarli e poi animarli – con l’uso del computer – infine i fatti e i personaggi di “Pinocchio” sono stati portati ai giorni nostri.

Il cortometraggio documenta e drammatizza le fasi di realizzazione del progetto.
Il tutto è incentrato sull'animazione (i ragazzi seguono un laboratorio da due anni) di tre episodi tratti dal testo di Collodi - la Nascita, il Gatto e la volpe e il Paese dei Balocchi - che diventano vicende dei nostri giorni (come il problema della droga e l'influenza dei mass media).

Il progetto della scuola toscana è risultato molto simpatico e interessante ed ha stimolato una buona attenzione da parte dei ragazzi in platea, cioè quelli delle scuole di Mantova, Borgoforte (MN) e Medicina (BO).

L'INTERVISTA

Alle ore 15.30 di oggi, 12 maggio, le medie “Guerri” di Reggello (FI) ha tenuto la tradizionale intervista, dopo aver appena presentato lo spettacolo intitolato “Pinocchio: ieri, oggi e… domani?”.

"Siamo partiti dal libro 'Pinocchio' e con l'aiuto dei professori abbiamo cominciato a lavorare sull'idea. Volevamo soprattutto attualizzare certe vicende della storia di Pinocchio: la nascita, il Gatto e la Volpe e il Paese dei Balocchi. Il professore di matematica ci riprendeva e un po' a turno facevamo gli attori. Chi era più bravo a disegnava, oppure altre persone hanno letto.
Insomma abbiamo fatto una specie di sinergia: abbiamo collaborato.
L'esperienza ci è piaciuta molto: ci ha insegnato a stare in gruppo, siamo più uniti di prima. Abbiamo avuto difficoltà ad animare i disegni: per questo abbiamo dovuto farlo uin 2 anni: 1^ e 2^ media". Questo tempo al Premio Gaber ci ha lasciato una bella impressione: nuove conoscenze, divertimento... abbiamo conosciuto un sacco di ragazzi come noi.
"Ci siamo divertiti soprattutto nell'episodio del Gatto e la Volpe, che abbiamo fatto diventare degli spacciatori. Un’altra cosa che cioè piaciuta molto è stato un disegno di due donne siliconate senza testa: volevamo dire che oggi basta andare davanti a una telecamera e in questa società consumistica siamo solo dei burattini. "In effetti all'inizio non pensavamo che non ci piacesse Pinocchio, che fosse da bambini. Invece poi, dopo aver fatto il video, ci è piaciuto molto". Nel fare questo spettacolo non abbiamo cambiato i nostri aspetti: siamo rimasti uguali. Uguali a noi stessi".
"La vicenda di Pinocchio è molto metaforica: è un romanzo di formazione, la cronaca di una crescita. Pinocchio è aiutato dal grillo, dal padre, dalla fata... ma anche dal Gatto e la Volpe da Lucignolo etc... perché sbagliando si impara. Nel filmato c'è una cosa molto vera: a volte gli sbagli sono molto più utili.
Non è a scuola che impariamo che cos'è la vita, ma lungo la strada che percorriamo per andarci".
"Abbiamo visto lo spettacolo di Longiano, sul centocinquantesimo dell'unità d'Italia".

"Vogliamo ringraziare i professori. Anche il professore di matematica (che non è venuto) ha perso molto tempo per noi".
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
08-06-2012, 08:20 AM
Messaggio: #2
RE: Reggello (FI) - Scuola Media
Partecipare al "premio Giorgio Gaber ", vivere quei due giorni ad Arcidosso, è stato memorabile! Lì ci siamo conosciuti meglio,abbiamo condiviso le prime esperienze da...grandi! Abbiamo preso coscienza delle nostre potenzialità, mettendo un po' a tacere la timidezza!
D'altra parte, ogni fase della realizzazione del nostro progetto è stata entusiasmante. La prof.ssa Serena Palazzetti ci ha proposto la sua idea sulla quale abbiamo lavorato, il prof. Marcello Pierantoni ci ha guidati nella realizzazione "grafica" del testo e con pochissimi mezzi ( una LIM, una telecamera, matite colorate e penna), ma con tanto entusiasmo abbiamo portato a termine, senza troppi clamori, il lavoro che, a quanto pare ( ci sembra un sogno! Dateci un pizzico, per favore!) è piaciuto!!
Cosa abbiamo imparato?
1) Che, come fa Pinocchio, è necessario confrontarsi con la vita anzi con il mondo, con i suoi valori e con i suoi scandali, ma che per non perdersi e per non girare a vuoto, bisogna avere chiari i concetti di libertà e di giustizia.
2) Che il vero insegnante non è un trasmettitore di dati ma uno studente più anziano ansioso di aiutare quelli più giovani ( questo l'abbiamo letto da qualche parte, ma dava bene il senso dei nostri prof.).
3)Che... camminare insieme è bello!
" Noi: è la solitudine che se ne va.
Noi: è la tristezza che diventa felicità..."
Non è una canzone di Gaber ma di G.Paoli ma Giorgio non ce ne vorrà, è troppo forte !!

Tommaso - Margherita - Martino - Samuele - Niccolò Valentin - Leonardo - Greta - Giulia - Ginevra L. - Noor - Mirko - Erica - Ginevra N. - Francesco - Linda - Mattia - Paulin - Edoardo - Susanna - Elena - Adamo

Alias

I MITICI ALUNNI DELLA 2'B DI REGGELLO

GRAZIE A TUTTI !!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)