Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
Lodi - “Maffeo Vegio”
10-05-2012, 03:28 PM (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 31-10-2012 12:02 PM da Editor.)
Messaggio: #1
Lodi - “Maffeo Vegio”
[Immagine: Premio%20Gaber%202012%20Vegio.jpg]

Regione: Lombardia
Provincia: Lodi
Località: Lodi
Ordine e grado: Istituto di Istruzione secondaria di secondo grado
Denominazione: "M. Vegio"

Ha partecipato: 3a edizione 2011/2012
Sezione: Cinema
Titolo del progetto: Camminare
Referenti interni: Claudia Braida e Giacomo Camuri
Referenti esterni: ---

-----------------------------------------

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO

Oggi, 10 maggio, la classe 5 C del Liceo delle Scienze Sociali “Maffeo Vegio” di Lodi alle ore 16.00 ha presentato all’interno della sezione cinema il cortometraggio dal titolo “Camminare”.
Alla realizzazione hanno partecipato 18 ragazzi sotto la guida della professoressa Claudia Braida e del professore Giacomo Camuri.

Il filmato – della durata di 15 minuti – è incentrato sul tema della disabilità. Attraverso le storie di Davide e Alessandro si cerca di indagare e comprendere la limitazione che un disturbo di questo tipo può comportare nella vita quotidiana.

In realtà l'analisi è molto ampia e documentata: dalla passeggiata simulata allo spostamento in gruppo; in interno e in esterno; particolarmente stimolante la sezione nella quale si indaga la necessità di evadere - di spaziare - dell'essere umano.Interessanti infine le citazioni delle camminate prese dai vari film, come “Bande à part”, “8 e ½”, “Into the Wild” e “Forrest Gump”, nonché “Metropolis” e “Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto”. Notevole anche la scelta dei testi che introducono e chiudono le varie sezioni del video.

Il progetto dei ragazzi lombardi è stato molto apprezzato e interessante stimolando una buona attenzione da parte dei ragazzi in platea, cioè quelli delle scuole Carcare (SV), Lodi e Latisana (UD).

L'INTERVISTA

Alle ore 14.30 di oggi, 10 maggio, l’istituto Superiore “Vegio” di Lodi ha tenuto l’abituale intervista, al secondo giorno di Premio e prima di presentare il proprio cortometraggio nel pomeriggio.

“Il nostro progetto è basato su dei nostri compagni disabili (soffrono rispettivamente di difficoltà motorie e di autismo) e per questo motivo ci siamo interessati al ‘camminare’. I professori, dopo averci proposto di fare un progetto, ci hanno suggerito questo tema – anche perché era un modo per far integrare meglio questi ragazzi che altrimenti hanno molti problemi di inserimento A questa tematica abbiamo affiancato anche un lavoro sulla musica di cui il ragazzo autistico è appassionato: questo ragazzo ha anche determinato il filo rosso del corto, perché la camminata ‘si svolge’ lungo una mappa che ha disegnato lui”.
“Per quel che riguarda la realizzazione del corto, abbiamo letto dei testi in classe, poi da lì abbiamo ideato la struttura del corto. Ci siamo ispirati a moltissimi film e spezzoni di film che abbiamo visionato insieme in classe. Poesie e testi li abbiamo scelti noi dalle letture che ci hanno proposto i professori. L’esperienza ci ha divertito”.
“Non siamo alla primissima eseperienza: l’anno scorso abbiamo fatto anche teatro. Ci è piaciuto più il cinema, perché alla fine ha una forma fissa, mentre il teatro devi cominciare ogni volta (per ogni rappresentazione) da capo”. Oltre alla problematica della disabilità, un altro obiettivo era quello di affrontare la tematica del viaggio, sotto vari aspetti. Anche quello della musica, in particolare. Abbiamo analizzato le fughe con il nostro esperto di musica. Così abbiamo cercato di accostare l’idea di viaggio alla fuga.”

“Ci terremmo a dire una cosa: vorremmo dedicare l’intero progetto al nostro professore di Arte che è mancato la settimana scorsa”.
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)